Archivi tag: amiche

I had the feeling that I belonged

Batte e ribatte questa strofa di una canzone di Tracy Chapman, Fast car, e non mi esce dalla testa. Ormai sono settimane, forse mesi, mi torna in mente la canzone, suona e risuona quella strofa. E mi scava dentro.

 

Non certo perché io debba scappare da una vita di miseria, a bordo di una macchina veloce, o perché debba riscattarmi da una vita familiare terribile (come nella canzone), ma perché mi è capitato tante volte, negli ultimi tempi, di sentire davvero di appartenere a questo posto.  Continua a leggere

Annunci

2 commenti

Archiviato in il gioco delle differenze, in giro per il Regno Unito e per il mondo, Intimamente, Uncategorized

definizioni

In questi giorni ho scritto decine di post. Tutti nella mia testa e nemmeno uno sul mio quadernino o sul mio computer. Stamattina poi ho quasi scritto un trattato, mentre andavo da casa all’asilo, con due bimbe, lo zaino, il vento in faccia e quell’aria sempre a metà tra lo sciagattato e il disperato. Ovviamente il trattato era tutto nella mia testa, scrivevo e scrivevo e addirittura vedevo le cose scritte davanti ai miei occhi, le lettere e le parole che comparivano, come su un foglio. Come esercizio non è male, fantastico tra l’altro per estraniarsi per qualche minuto dal cicaleccio interminabile della mia bimba. Lei parla. Tanto. Sempre. Senza sosta. In continuazione. Parla. E io, che pure sono una chiacchierona di prima categoria, per la prima volta in vita ho capito l’impagabile valore del silenzio. Così stamattina stavo nel mio “happy place”, mentre lei chiacchierava con me, coi fiori, con la sorella, con i muretti, con le formiche, e scrivevo parole virtuali nel mio cervello. Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in cose di mamma, metablog, riflessioni (finto profonde) a caso

La torre di Babele e di cupcake

La fantastica torre di cupcake del mio babyshower

La fantastica torre di cupcake del mio babyshower

Per la prima volta doppia versione, italiana e inglese! For the first time a double version: Italian and English- for the English version scroll down.

Sono giorni intensi e frenetici e l’adrenalina è a mille. Facciamo cartoni, impacchettiamo tutto e io sono lanciatissima in quel processo di smaltimento di roba inutile che si accompagna sempre ai traslochi e ai trasferimenti. L’inevitabile catarsi del cambiare pelle, l’occasione del cambiamento per fare pulizia e sistemare tutto quello che si voleva sistemare da tempo.

Così è tempo di bilanci. L’adrenalina pompa il mio fisico altrimenti provato dagli sbalzi di temperatura e d’umore e affaticato da una pancia incredibilmente grande che sembra non finire mai di crescere (e pensare che ci devo ancora passare quasi 3 mesi insieme!).

Così la mia testa schizza, la concentrazione langue e soprattutto le liste e i pizzini si moltiplicano. Ho liste per tutto: le cose da fare, gli appuntamenti da prendere, la roba da comprare, la roba da mettere nelle valigie, la gente da vedere, i regali da preparare. E queste liste e questa frenesia del fare mi hanno un po’ anestetizzata. Mi sono ritrovata a poco più di una settimana dal trasloco senza rendermi davvero conto che ci siamo quasi.

Poi però domenica il velo si è squarciato.

Domenica c’è stata una festa, una bellissima festa. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in cervelli in fuga, cose di mamma, Intimamente, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

Fugaci impressioni di Stoccarda

Via, armiamoci ci pazienza e partiamo

Via, armiamoci ci pazienza e partiamo

Così ieri mattina mi avvio alla stazione, sotto una simpatica nevicata mattutina, per prendere il treno delle 6.52 (ho detto le 6.52, di sabato mattina…roba da pazzi) che mi porterà a Stoccarda per la presentazione di un libro di italiano.

Prima notazione: è buio, fa freddo, nevica, ma la strada davanti a casa è bellissima, tutta bianca e intatta. C’è un silenzio irreale in giro e solo un signore che gironzola e qualche taxi svogliato.

Seconda notazione: alla stazione trovo le due amiche (e colleghe) con cui farò il viaggio, e sembra subito di essere in un giorno di festa, tutte e tre per un giorno (non lavorativo) senza prole, impegnate in una cosa che è di lavoro, sì, ma è anche un po’ una girata. In un attimo eravamo come 3 ragazzine (magari!) in gita! Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in il gioco delle differenze, in giro per la Germania e per il mondo, italiano per stranieri