Archivi tag: colazione

Prosciutto, russi a frotte e babbi fighi- cronaca (ritardataria) di una settimana in ospedale

Paese che vai, ospedale che trovi, direi che è una massima che si adatta bene alla situazione.

Mi ero passata una bella settimana in ospedale e nell’attesa di essere dimessa, mi era salita incontrollabile la voglia di fare un bel bilancio di questa settimana. Poi il post era rimasto in bozza e finalmente ho trovato, solo adesso, la concentrazione per finirlo.

Ora, purtroppo c’è da dire che negli ultimi due anni le degenze mie (o di familiari stretti) sono state troppe, troppo frequenti e spesso insopportabili, come solo gli ospedali e le malattie sanno essere.

Ma a questo giro, pur nella sfiga cosmica che sembra perseguitarmi, alla fine ho avuto uno sguardo più rilassato sull’insieme e posso permettermi qualche digressione.

Da dove iniziare? Dal tasto dolente del rancio? Ma sì, spariamo a zero sul rancio, che quando si tratta di ospedali viene sempre bene. vassoio_ospedale

Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in il gioco delle differenze, in giro per la Germania e per il mondo, riflessioni (finto profonde) a caso

Nostalgia che (per una volta) non mi appartiene

Stamattina mi sono svegliata un po’ storta. Non nel senso di cattivo umore (anche se a Livorno si direbbe proprio “ti sei svegliata col bu’o storto”) ma proprio nel senso vero del termine: con un po’ di torcicollo e in generale non in formissima. Poi la bimba, che il fine settimana ha la sveglia puntata tra le 6 e le 6 e mezzo, stamattina si è svegliata all’alba, sì, per il latte, ma poi bella al calduccio addosso (letteralmente) al su babbo, ha continuato a dormire beata – lui mi sa un po’ meno. E visto che è lunedì alle 8 passate ancora non si svegliava. Ho provato con carezze, sussurri, qualche scossettina, ma nulla. Ho provato a prenderla per la gola, informandola che andavo a fare colazione, argomentazione che fa sempre leva, visto che è una sorta di aspirapolvere – come si può vedere qui–  ma non ha funzionato:

-Sara, mamma va a fare a colazione.

– E io no!- e si è rigirata, tipo bozzolo, nella sua copertina morbida e sdrucita.

La prima copertina della bimba

La prima copertina della bimba

Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in cervelli in fuga, cose di mamma, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

Il linguaggio segreto della bimba

I bimbi, si sa, hanno un loro personale linguaggio che si evolve di giorno in giorno e che non sempre ha una traduzione precisa nella nostra lingua comune, nel mio caso l’italiano.

La mia bimba è esposta a due lingue, l’italiano e il tedesco. Da quando ha nove mesi va regolarmente al nido. O meglio, prima dalla tagesmutter, poi ad un asilo nido pomeridiano e finalmente all’asilo nido mattutino che frequenta tuttora. La nostra intenzione di genitori italici, con una conoscenza tutto sommato limitata del tedesco (ce la caviamo, ma non potremmo insegnarlo, ecco), è sempre stata che la bimba fosse il più possibile esposta anche al tedesco e che potesse stare con altri bambini  della sua età. E devo dire che la cosa ha dato i suoi frutti. Adesso che ha due anni la lingua predominante è ovviamente l’italiano, ma sembra capire molto bene quando le parlano in tedesco e conosce molte parole, anche se non credo che faccia delle frasi complete. Raramente mescola le due lingue, solo qualche volta se ne esce con degli ibridi del tipo “mamma, io vojo apfel” oppure cose come “no, no, no, io le schuhe no metto io”. Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in cose di mamma, italiano per stranieri

Fichi e mandorle e i sapori dell’anima

Ieri ho avuto un’epifania gastronomica. Sono andata a fare la spesa da Real, il mitico supermercato che tanto assomiglia ad una coop italica e che offre una gamma di prodotti per me fondamentali (varie marche di pasta italiana, carne decente, diversi prodotti italiani confezionati a prezzi ragionevoli). Per la spesa, quella grande, è perfetto.

Mentre girovagavo senza troppa concentrazione tra una corsia e l’altra, perdendomi come faccio sempre, mi sono ricordata che mancava la marmellata, così mi sono gettata a capofitto tra confetture e creme varie. All’inizio ho cercato prodotti locali, magari con una quantità ragionevole di frutta dentro. Poi sono stata affascinata dal numero infinito di marmellate di bacche (Beeren di ogni sorta) che c’erano sugli scaffali e mi è salito un moto di rimpianto per le marmellate di casa mia. Ad un certo punto sono stata letteralmente folgorata. Da uno scaffale in basso è spuntata una marmellata di fattura austriaca che mi ha riempita di gioia: FICHI CON MANDORLE. Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in cose di mamma, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

La colazione dei campioni, anzi delle campionesse

Un po’ sono stata ispirata da un post di un’espatriata come me, in cui si descrivono le differenze tra nostre italiche colazioni e le abbondanti e proteiche colazioni crucche, ma un po’ sono stata costretta da mia figlia. Ecco, diciamo la verità, scrivo questo post per colpa di mia figlia. Voglio vedere in lei la perfetta fusione, in fatto di colazione, dei gusti tedeschi con quelli italiani.

Ma dopo la sua performance di stamattina vedo in lei soprattutto un pozzo senza fondo.

Una doverosa premessa però va fatta: ieri sera la bimba era andata a nanna senza cena, era così stanca da non riuscire a mangiare e si è quindi bevuta solo il latte. Detto questo, stamattina, di buon’ora, si prende il suo latte e sembra tranquilla. Quando io mi accingo a fare colazione, però, decide che è arrivata l’ora di mangiare qualcosa e così la metto sul seggiolone accanto a me e le preparo un classico della colazione italiana: pane e marmellata. Una bella fetta di quelle quadrate di pane in cassetta con uno strato di deliziosa marmellata di more, la mia preferita. Taglio i pezzettini e lei se li mangia con gusto. Nel frattempo io mi preparo un toast, non perché sia diventata seguace della colazione salata alla tedesca, ma perché ho deciso di iniziare una nota dieta che per l’appunto prevede un toast bilanciato come possibile pasto mattutino.

La bimba pulisce minuziosamente ogni traccia di marmellata

La bimba pulisce minuziosamente ogni traccia di marmellata

Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in cose di mamma, il gioco delle differenze