Archivi tag: nonna

Omino marshmallow (con le scarpe fotoniche)

Mesi e mesi senza nemmeno un post. Mi sono scervellata per postare qualcosa di veramente profondo e intelligente e l’unica cosa a cui riesco a pensare oggi sono le mie bellissime scarpe nuove. Brillanti, colorate, con la striscia fluorescente, un vero pugno in un occhio. Una cosa inguardabile dal punto di vista dei colori. Ma sono bellissime, e come si direbbe a Livorno, sono fotoniche. Oggi, per la prima volta in vita mia, mi sono comprata un paio di Nike.

Scarpe fotoniche

Scarpe fotoniche

Praticamente un evento. Continua a leggere

Annunci

7 commenti

Archiviato in cose di mamma, in giro per il Regno Unito e per il mondo, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

Omaggio a Francesco Moranino

Voglio scrivere una bella recensione. No, anzi, una bella pubblicità. Invece no, scriverò un post personale e racconterò la vicenda dal mio punto di vista personale. Oppure potrei scrivere solo una cosa breve, una piccola presentazione e lasciare che il libro parli da solo. Qualcosa devo fare, no, anzi VOGLIO fare. Uffa, non mi aspettavo che fosse così difficile.

copertina_libro

Iniziamo dall’ABC. Io avevo un nonno, che non c’è più e che non ho mai conosciuto e che si chiamava Francesco Moranino. Purtroppo è morto troppo giovane, ma la sua storia, la sua persona, il suo nome hanno lasciato il segno. L’hanno lasciato nella mia famiglia, nella mia storia personale, ma anche nella storia italiana del secolo scorso. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in in giro per la Germania e per il mondo, Nostalgie, recensioni, riflessioni (finto profonde) a caso

Fichi e mandorle e i sapori dell’anima

Ieri ho avuto un’epifania gastronomica. Sono andata a fare la spesa da Real, il mitico supermercato che tanto assomiglia ad una coop italica e che offre una gamma di prodotti per me fondamentali (varie marche di pasta italiana, carne decente, diversi prodotti italiani confezionati a prezzi ragionevoli). Per la spesa, quella grande, è perfetto.

Mentre girovagavo senza troppa concentrazione tra una corsia e l’altra, perdendomi come faccio sempre, mi sono ricordata che mancava la marmellata, così mi sono gettata a capofitto tra confetture e creme varie. All’inizio ho cercato prodotti locali, magari con una quantità ragionevole di frutta dentro. Poi sono stata affascinata dal numero infinito di marmellate di bacche (Beeren di ogni sorta) che c’erano sugli scaffali e mi è salito un moto di rimpianto per le marmellate di casa mia. Ad un certo punto sono stata letteralmente folgorata. Da uno scaffale in basso è spuntata una marmellata di fattura austriaca che mi ha riempita di gioia: FICHI CON MANDORLE. Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in cose di mamma, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

Bella la mi’ Livorno – capitolo 3

momenti perfetti

momenti perfetti

Metti l’aria tersa e pulita, profumata di mare e limpida come può essere solo dopo una mareggiata. Metti il sole splendido e il mare che si scuote di dosso le ultime onde ormai lunghe e stanche dopo una notte agitata. Metti la bimba e la nonna in giro sul lungomare da sole. Metti che le cogli in un momento così e il mondo ti sembra perfetto e pensi che non vorresti essere da nessun’altra parte se non alle spalle di quelle due creature, in quell’istante, con quel mare e con quella luce. E con tutto quell’amore. Ti avvicini e senti che stanno facendo il tifo alle onde più grandi per incitarle a saltare il moletto. Ti avvicini e vorresti entrare in quel quadro senza disturbarne l’equilibrio. Ti avvicini e pensi: ma quanto le amo queste due donne? Ti avvicini e pensi di essere felice e di sentirti a casa come non ti succedeva da tempo.

6 commenti

Archiviato in cose di mamma, Intimamente, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

A casa tutti bene?

immagine tratta dal web

immagine tratta dal web

Voglio dedicare un post alla famiglia. Non perché nottetempo io mi sia reincarnata in Costanza Miriano (per l’amor del cielo, no) o in un ideatore pubblicitario della Mulino Bianco, no. Semplicemente perché oggi faccio il mio primo blogmeseversario e mi va di festeggiare, anzi, di dedicare. Così ho deciso di mettere per scritto quei pensieri che mi frullano spesso per la testa e che riguardano la famiglia. Anzi, le mie famiglie. Sì, perché io ho tante famiglie, un po’ ereditate, un po’ costruite nel tempo e un po’ scelte. Visto che in molti casi si tratta di famiglie allargate, credo che sia il caso anche di allargare il concetto di famiglia. Continua a leggere

22 commenti

Archiviato in cervelli in fuga, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso