Archivi tag: ghiaccio

Il senso di N. per la neve

Questo senso è contraddittorio assai. Idealmente la neve è molto bella, romantica, fa tanto inverno nel senso vero del termine e rende il freddo polare vagamente più sopportabile, specialmente quando la nevicata è già storia e resta solo il bellissimo manto immacolato, e magari c’è anche il sole a riflettercisi sopra. Ma poi nel concreto, nel bagnato e nel freddo della neve, mica sono questa grande fan.

Che poi tutto il libeccio che c’ho sotto pelle si ribella e dopo qualche giorno di neve, e poi ghiaccio, e poi nevischio, e poi neve sporca e poi ghiaccio ancora, la pazienza finisce e un rabbia sorda, inespressa, mista a un senso si impotenza e di intrappolamento si fa avanti e mi travolge.

E poi come si fa? Come mai ci sono così tanti tipi di neve? L’altro giorno camminavo per strada e l’aria era asciutta, il cielo bianco ma non minaccioso e faceva moooolto freddo. A un certo punto mi arriva sul cappotto una pallina polistirolo. Continua a leggere

Annunci

7 commenti

Archiviato in il gioco delle differenze, in giro per la Germania e per il mondo, Nostalgie, riflessioni (finto profonde) a caso

La foresta bianca incantata – aka il Bruscello

Ieri c’era un sole bellissimo e l’aria fresca e pulita, limpida limpida, così abbiamo trascinato una bimba poco vogliosa di attività all’aria aperta (la Pimpa sembrava più interessante, valla a capire!) e siamo andati su in montagna.

Abbiamo impacchettato la bimba come per una missione al Polo Nord e abbiamo preso lo slittino. Giù in città non c’era praticamente più neve, tranne per qualche mucchio sporco ai bordi delle strade, avanzato dai giorni prima. Ma appena abbiamo imboccato la strada di montagna verso lo Schauinsland, ci si è presentato uno spettacolo fantastico, che non avevo mai visto in vita mia. C’era la neve per terra, nel bosco, anzi, nella foresta nera, ma sugli alberi non c’era la neve, ma uno strato di ghiaccio. Era tutto bianco, come se i rami si fossero trasformati in cristalli di ghiaccio. L’aria sembrava immobile e il sole illuminava questa meraviglia.

Quando siamo arrivati alla pista per fare qualche scivolata con lo slittino, abbiamo trovato questo panorama

vista sulla pista per gli slittini

vista sulla pista per gli slittini

Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in cose di mamma, il gioco delle differenze, in giro per la Germania e per il mondo

Fenomeni meteorologici a me (finora) sconosciuti

Sarà che vengo dalla soleggiata Livorno, città allegramente sdraiata lungo una bellissima costa battuta dal mare e dal vento, ma ci sono alcuni fenomeni meteorologici che certe volte mi sorprendono.

Da un paio di giorni la città di Friburgo è avvolta da una nebbia lattiginosa che nemmeno nel film su Jack lo squartatore con Johnny Depp pareva plausibile. Eppure questa nebbia mica è fatta con un macchinario o con gli effetti speciali al computer, no no, è proprio vera, umida e grigia.

Alberi spettrali avvolti nella nebbia, davanti a casa mia

Alberi spettrali avvolti nella nebbia, davanti a casa mia

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in il gioco delle differenze, in giro per la Germania e per il mondo, Nostalgie

Metti una mattina con il sole e con la neve

Albero_cielo_neveMetti che ti svegli e non c’è, per una mattina, la bufera di neve.

Metti che poi sorge il sole, dopo giorni che ormai quasi quasi ti eri dimenticata com’era fatto. Metti che poi fuori è tutto bianco e il sole splende e la luce rifrange su quel bianco, ti abbaglia gli occhi e tutto è inondato di luce e di sole, come in un cristallo gigante e magico, in un algido caleidoscopio candido.

Metti che hai la mattina libera e te la puoi prendere con calma. Metti che ti geli il viso e le chiappe al freddo, ma poi ti scongeli al caldo di un caffè accogliente in buona compagnia.

Metti che per una volta ti puoi permettere di cazzeggiare e spendi del tempo (e poco denaro) in shopping stupido in un negozio stupido, attività pro-buon umore per definizione.

cazzatine comprate oggi (Immagine presa dal web)

cazzatine comprate oggi (Immagine presa dal web)

Metti che sei andata a letto la sera prima con i segnali che il tuo corpo, forse, si sta rimettendo in carreggiata, dopo mesi di sfighe e di “guasti”.

Metti che ti sei svegliata con un insensato buon umore.

Metti che poi apri il computer e trovi delle parole e delle frasi che sono pezzetti di felicità e di amore (grazie Sarina, grazie Vale).

Metti poi che è Natale, che di per sè ci.importa.una.bella.sega, ma che a Friburgo vuol dire decorazioni e clima festaiolo e Glühwein e a tratti ti ci prende bene.

Metti che per strada è tutto ghiacciato e nonostante le lastre scivolose e il tutore al ginocchio non ti sei addobbata per terra battendo una culata.

Le insidiose lastre di ghiaccio non mi hanno fregata (stavolta)

Le insidiose lastre di ghiaccio non mi hanno fregata (stavolta)

Metti che stamani è così, il mondo gira dalla parte giusta, il momento è di equilibrio, senza motivo apparente. Gioia di essere qui, con giorni promettenti davanti da passare con gli amici crucchi e/o espatriati. Gioia di andare tra poco giù a casa, a godersi la famiglia e le coccole e a raccattare qualche ora di sonno in più (messaggio in codice per i nonni…).

Metti che oggi è così, col baricentro per una volta centrato e stabile e le cose che sembrano andare lisce.

Magari fossero tutte così le giornate!

11 commenti

Archiviato in riflessioni (finto profonde) a caso